cerca un argomento         powered by freefind

fam. Araceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Zamioculcas zamiifolia (Lodd.) Engl. 1905


sinonimi: Caladium zamiaefolium   Zamioculcas loddigesii   Zamioculcas lanceolata

nomi comuni: zamia, gemma di Zanzibar


vedi tassonomia

genere Zamioculcas

fam. Araceae

torna all'elenco


ETIMOLOGIA: il nome generico и dato dall'unione del termine Zamia (pianta delle Cicadaceae) con quello arabo kolkas, col quale si indicava la Colocasia, un'aracea utilizzata a scopo alimentare in Asia ed Africa. L'attributo specifico и riferito alla somiglianza delle foglie di questa specie a quelle della Zamia


ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     


la zamia и una pianta erbacea sempreverde, semisucculenta, alta fino a 45-60 centimetri, dalla lenta crescita, originaria delle zone tropicali dell’Africa Orientale, dal Kenia fino alla zona nord-orientale del Sudafrica, ma in particolare della Tanzania e dell'isola di Zanzibar. 
И una pianta delicata, che ha una temperatura ottimale di coltivazione di 20-25°C e soffre le temperature inferiori ai 15°C. Non ha particolari esigenze di illuminazione, potendo vivere sia in ambienti molto luminosi (mai perт al sole diretto) sia in zone piщ buie. In inverno gradisce temperature piщ fresche rispetto a quelle estive. Nelle zone a clima mite puт essere portata all'esterno durante la stagione piщ calda. 
Si adatta a tutti i tipi di terreno ma predilige terreni soffici e ben drenati, privi di ristagno idrico. Le annaffiature devono essere abbondanti durante la stagione vegetativa, lasciando perт asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra, mentre in inverno vanno notevolmente ridotte. Il ristagno idrico provoca ingiallimento e caduta delle foglie, mentre l'eccessiva siccitа puт far seccare la parte aerea della pianta (cosм come avviene in natura nelle zone d'origine), che perт puт riformarsi dal rizoma sotterraneo quando le condizioni climatiche lo consentono. In estate, nell'acqua di annaffiatura и utile somministrare un concime liquido a basso tenore di azoto, a cadenza bisettimanale. Se necessario, la pianta puт essere sistemata in un vaso appena un po' piщ grande in primavera. Le foglie possono essere pulite dalla polvere con un panno leggermente inumidito. La potatura non и necessaria: basta soltanto eliminare le parti secche o lesionate per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie. La moltiplicazione, per suddivisione dei bulbi o per talea fogliare, и abbastanza semplice.
И una pianta commercializzata sin dal 2000, che sta riscuotendo sempre maggiore successo come pianta d'appartamento, sia perchи veramente decorativa nell'aspetto, sia per la sua facilitа di coltivazione e  la resistenza alle condizioni non facili di luminositа ed umiditа che si instaurano nell'ambiente domestico.


I fusti, erbacei e carnosi, si originano direttamente da un rizoma sotterraneo simile ad una patata ed in realtа sono foglie radicali ingrossate alla base, paripennate, con 6-8 paia foglioline lunghe 7-15 centimetri, lucide e carnose, di colore verde scuro, opposte a due a due e disposte in maniera spiralata. Alla base delle foglie spesso si originano bulbi. Le piante coltivate in maniera ottimale possono produrre, da metа estate ad inizio autunno, infiorescenze spatiformi simili a quelle delle calle, con spata convolta e spadice claviforme, portante numerosi fiorellini biancastri


ATTENZIONE: tutte le parti della pianta sono velenose per ingestione, per cui и opportuno tenere la pianta lontano dalle zone di gioco di bambini ed animali. И anche buona norma usare guanti quando si effettuano operazioni colturali su questa pianta


 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico