cerca un argomento         powered by freefind

fam. Vitaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Vitis vinifera - vite comune


Bologna, 9 luglio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

и una pianta legnosa rampicante, decidua, rustica fino a -15°C, originaria del bacino del Mediterraneo e dell'Asia occidentale, coltivata dai tempi piщ remoti per la produzione di uva e di vino. Da qui la sua coltivazione si и ormai diffusa in tutti i continenti, ad eccezione dell'Antartide. Il fusto и piщ o meno contorto e irregolare, di varia lunghezza a seconda del tipo di allevamento,, con corteccia persistente che tende a distaccarsi a nastro. La colorazione, grigiastra nei rami di un anno, diventa marrone con lo sviluppo del ritidoma. Di solito non assume grandi dimensioni e da esso si dipartono i lunghi rami, chiamati tralci, che si aggrappano ai sostegni per mezzo di viticci e sui cui nodi sono inserite due gemme opposte: su una di esse c'и inserita una foglia, sull'altra troviamo un grappolo od un viticcio. La vite cresce meglio nelle zone a clima mite, in cui l'estate sia sufficientemente lunga da consentire la maturazione dei grappoli, ma и coltivata anche nelle zone piщ fredde, in terreni esposti a sud e ben protetti dai freddi venti invernali. Si adatta a tutti i tipi di terreno preferendo quelli profondi e ben drenati, non troppo fertili


Bologna, 9 luglio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

le foglie (chiamata pampini) sono semplici, picciolate, grandi, palmate e variamente lobate (da 3 a 9 lobi) a seconda delle varietа. Il margine и irregolarmente dentato e nel punto d'inserzione del picciolo forma un'insenatura piщ o meno marcata che puт essere del tutto assente oppure conformata a U od a lira, piщ o meno aperta e profonda. La superficie и glabra oppure rivestita da una peluria piщ o meno sviluppata. In autunno, perdendo la clorofilla, assumono una splendida colorazione dal giallo-arancio al rosso vivo.


 

Bologna, 9 luglio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

i frutti sono bacche, chiamate acini, riunite in grappoli penduli. Il colore delle bacche matura varia, secondo il vitigno, dal verde al giallo, dal roseo al rosso-violaceo, dal nero o al nero-bluastro, ma l'intensitа e la tonalitа del colore possono cambiare anche in funzione delle condizioni ambientali, in particolare l'illuminazione. La superficie и pruinosa e la forma и il piщ delle volte rotondeggiante. La conformazione del grappolo и generalmente cilindrica, conica o piramidale, ma varia in funzione di fattori varietali ed ambientali, soprattutto nutrizionali. Anche lunghezza e densitа del grappolo si differenziano in base a questi fattori.


 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico