cerca un argomento         powered by freefind

condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Vinca major L. 1753

 
famiglia: Apocynaceae
sinonimi: Vinca grandiflora
Vinca ovatifolia
Vinca pubescens
nomi comuni:

pervinca maggiore

vedi tassonomia

Vinca

Apocynaceae

torna all'elenco

ETIMOLOGIA: il nome generico proviene dal verbo latino vincire (avvincere, legare) per i lunghi fusti sterili, sottili e prostrati, che si avvincono al suolo e probabilmente si riferisce anche al fatto che le pervinche erano anticamente utilizzate per intrecciare le ghirlande con cui le giovinette amavano cingersi il capo. L'epiteto specifico и l'aggettivo comparativo latino major (piщ grande), riferito alle maggiori dimensioni di questa specie rispetto alla Vinca minor

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

 

la pervinca maggiore и una pianta erbacea perenne o suffruticosa sempreverde, alta fino a 25-50 centimetri, originaria delle regioni europee che si affacciano nel Mediterraneo centro-occidentale, dalla Dalmazia alla Spagna. In Italia и diffusa allo stato spontaneo in tutte le regioni, ad eccezione della sola Sardegna, colonizzando in prati incolti, terreni e giardini abbandonati, boschi di latifoglie (soprattutto di querce) fino ad 800 metri di altitudine. И ampiamente coltivata in tutte le regioni come pianta ornamentale dalle caratteristiche tappezzanti, in quanto i suoi rami e le sue radici creano un fitto intreccio che ricopre l'intero terreno anche in zone ombrose, dove poche altre piante riescono a vegetare. Tale intreccio puт rivelarsi utile anche a trattenere il terreno superficiale su zone particolarmente scoscese.
Predilige posizioni ombrose o semi-ombreggiate e si adatta a qualsiasi terreno da giardino ben drenato ma non troppo secco, meglio se fresco ed acido. Resiste piuttosto bene sia alle fredde temperature invernali sia al calore estivo, purchи si trovi in ombra.  Va annaffiata abbondantemente in primavera, in estate e per parte dell’autunno, evitando perт che il terreno sia troppo bagnato e che ci siano ristagni d’acqua, che sono dannosi per la pianta. In tardo autunno e in inverno le annaffiature vanno ridotte ed и meglio lasciare il terreno solo leggermente umido.

la pervinca и una specie suffruticosa, con fusti piщ vecchi lignificati, prostrati, che emettono ai nodi radici avventizie, mentre quelli piщ giovani sono eretti ed erbacei.
Le foglie sono opposte, persistenti, picciolate, piщ ovate alla base degli steli ed ovato-lanceolate verso l'apice, lucide, lunghe 3-9 centimetri e larghe 2-6, di colore verde piщ o meno scuro e glabre sulla pagina superiore, piщ chiare in quella inferiore, opache e talvolta pubescenti vicino alla nervatura mediana.

i fiori sono ermafroditi, ascellari e solitari, peduncolati, larghi 3-5 centimetri, di colore azzurro-violetto con un anello bianco alla base. Il calice и gamosepalo e suddiviso superiormente in 5 lacinie lesiniformi, mentre la corolla и gamopetala nella parte basale, a formare un tubo a sezione pentagonale lungo fino a 2 centimetri, con 5 lobi asimmetrici, ristretti gradualmente verso la base, troncati ed erosi all'apice. I 5 stami sono inseriti nel tubo corollino.
La fioritura avviene in marzo-aprile e se le condizioni climatiche sono favorevoli puт ripresentarsi anche a settembre. Il frutto и composto da due follicoli divergenti saldati alla base, grossolanamente torulosi, e che si aprono lungo la sola linea ventrale di sutura.
Curiositа: ai fiori della pervinca e alle sue fronde sempreverdi и associato il concetto di fedeltа in amicizia e di tenacia del ricordo. Era anche ritenuta simbolo della verginitа e si usava spargere i suoi fiori davanti agli sposi o disporre quattro piccoli mazzi di fiori agli angoli del letto coniugale.

USO ALIMENTARE ED OFFICINALE

la pervinca non ha impiego alimentare in quanto tutte le parti della pianta sono velenose per la presenza, oltre che di sostanze non tossiche come flavonoidi, fitosteroli e tannini, di sostanze nocive quali saponine ed alcaloidi indolici (in particolare vincristina, vinblastina e pervincina): in caso di ingestione di parti della pianta i sintomi precoci compaiono entro le 24 ore e sono a carico dell'apparato digerente, con nausea, diarrea, vomito e febbre, mentre i sintomi tardivi (entro una settimana) consistono in cefalea, insonnia, delirio, allucinazioni, convulsioni e coma. 
In cosmesi e foglie hanno una blanda attivitа antinfiammatoria e possono essere utilizzate per eczemi, foruncoli e nelle dermatosi. Un infuso di foglie, nell’acqua del bagno o come impacco da applicare sul viso, ha un effetto calmante su pelli delicate ed irritabili.
La pervinca и sfruttata in campo farmacologico in quanto gli alcaloidi indolici vincristina e vinblastina sono dotati di azione antitumorale, venendo utilizzati come agenti chemioterapici. Trova anche impiego nelle affezioni vascolari che limitano l’afflusso del sangue al cervello e nei casi di diarrea, epistassi, ferite, ipertensione, tonsillite e leucemia.

Attenzione!!!
Questi non sono consigli medici!! Usate eventuali prodotti con cautela e solo secondo le prescrizioni del medico o dell’erborista

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]