cerca un argomento         powered by freefind

fam. Araceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Scindapsus aureus  (Lindl. & Andrй) Engl.

 

sinonimi: Pothos aureus, Epipremnum aureum, Raphidophora aurea

nomi comuni: potos, pothos, scindapso

 


vedi tassonomia

genere Scindapsus

fam. Araceae

torna all'elenco


ETIMOLOGIA: il nome generico proviene dal termine greco skindapsуs col quale erano genericamente indicate alcune piante rampicanti. L'attributo specifico latino aureus -a -um (dorato) si riferisce alle variegature gialle delle foglie


il potos и una pianta rampicante sempreverde di origine tropicale, originaria della Tailandia e delle Isole Salomone, nel Pacifico occidentale, alta fino a 6 metri (in coltivazione perт non supera di regola i 2 metri), molto diffusa come pianta d'appartamento per la facilitа di coltivazione e per la bellezza del fogliame. Esistono in commercio diverse varietа che differiscono tra loro per le diverse screziature delle foglie e per la vigoria della pianta. Puт essere allevato come pianta rampicante su appositi tutori ricoperti di muschio e di sfagno, oppure come pianta ricadente in panieri appesi od appoggiati su un piano sopraelevato. Essendo di origine tropicale non tollera temperature inferiori ai 13°C e gradisce posizioni luminose ma non esposte all'insolazione diretta. La quantitа delle screziature fogliari и proporzionale alla quantitа di luce ricevuta: in posizioni molto ombrose le foglie saranno piщ piccole e meno variegate. Il terreno preferito и un terreno soffice e permeabile, ben drenato e leggermente acido, ad esempio un comune terriccio miscelato con adeguate quantitа di torba e di sabbia. Eventuali rinvasi si effettuano in marzo-aprile, utilizzando vasi leggermente piщ grandi. Il potos si adatta anche egregiamente alla coltivazione in idrocoltura.
Le annaffiature dovranno essere non eccessive durante la stagione vegetativa (occorre aspettare l'asciugatura del terreno tra un'annaffiatura e l'altra) ed andranno molto ridotte in inverno (una volta alla settimana). И invece importante garantire alle piante un adeguato livello di umiditа nell'aria, sia mediante nebulizzazioni e lavaggi fogliari, sia con l'impiego di sottovasi riempiti di argilla espansa o di ciottoli, da tenere costantemente bagnati. Le concimazioni si effettuano nel periodo vegetativo a cadenza mensile, con prodotti specifici per piante verdi, dimezzando le dosi consigliate.
Le foglie dovranno essere tenute pulite o mediante docce da effettuarsi ad esempio nella vasca da bagno oppure strofinandole delicatamente con un panno imbevuto nell'acqua, evitando assolutamente l'impiego di lucidanti fogliari.
La moltiplicazione del potos и abbastanza semplice in quanto le porzioni apicali di fusto, tagliate per evitare che la pianta si accresca troppo, da maggio a luglio radicano abbastanza facilmente, sia in terriccio sia immerse nell'acqua. Eventualmente la piante possono essere anche riprodotte dividendo il cespo con le radici al momento del rinvaso.
Le piante coltivate in condizioni ottimali sono difficilmente attaccate dai parassiti, mentre quelle che vivono in condizioni piщ critiche (ad es. scarsa illuminazione, basse temperature, correnti d'aria, eccesso idrico), indebolite, possono essere piщ soggette ad attacchi di acari (ragnetto rosso) e cocciniglie. In questo caso, oltre a cercare di ottimizzare le condizioni di vita della pianta, и necessario intervenire con opportuni prodotti, eventualmente eliminando le parti piщ deteriorate.


i fusti del potos sono lianosi, lunghi e volubili, verdi ed erbacei da giovani, rampicanti sui supporti che trovano mediante l'emissione ai nodi di radici aeree carnose. Le foglie sono sempreverdi, lucide e carnose, da giovani ovate ed appuntite, lunghe fino a 10 centimetri, poi cuoriformi e larghe fino a 30 centimetri (fino a 50 in natura), screziate di giallo. I fiori compaiono assai raramente in appartamento, sono quasi insignificanti e raccolti in uno spadice avvolto da una spata colorata.


ATTENZIONE: come quasi tutte le piante appartenenti alla famiglia delle Araceae, anche la pianta del potos и velenosa in tutte le sue parti, per cui и sempre opportuno lavorare con i guanti quando si lavora sulla pianta; bisogna inoltre sistemarla in una posizione inaccessibile ai bambini ed agli animali domestici



 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico