cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Rosa chinensis 'Mutabilis'

 
famiglia: Rosaceae
sinonimi: Rosa indica
Rosa x chinensis 'Mutabilis' 
Rosa chinensis var. mutabilis
nomi comuni:

rosa della Cina

vedi tassonomia

genere Rosa

fam. Rosaceae

torna all'elenco

 

ETIMOLOGIA: il nome del genere и quello con cui gli antichi latini denominavano questa pianta, a sua volta coniato dal greco rodon (rosso) per il colore dei fiori e dei frutti. L'epiteto specifico latino chinensis (della Cina) и riferito alla zona di origine di questa pianta. Il nome varietale proviene dall'aggettivo latino mutabilis (mutevole) in riferimento ai diversi colori che possono assumere foglie e fiori

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

la rosa della Cina (Rosa chinensis, sin. Rosa indica) и una specie naturale di rosa originaria delle regioni sud-occidentali cinesi, in particolare Guizhou, Hubei e Sichuan. Si tratta di un piccolo arbusto spogliante alto 1-2 metri e largo altrettanto, estensivamente coltivato come pianta ornamentale (in particolare nelle molteplici cultivar cui ha dato origine) e che и stato ampiamente impiegato dagli ibridatori per la creazione di numerosissime varietа moderne di rosa, inclusi gli ibridi di Tea, fornendo caratteri genetici come la fioritura continua ed il colore rosso brillante. Nella specie selvatica i fiori sono semplici, con 5 petali, mentre alcune cultivar possono avere fiori doppi o semidoppi.
I fiori ed i frutti di questa pianta sono utilizzati dalla medicina tradizionale cinese come rimedio per alcune disfunzioni della tiroide e del ciclo mestruale.

'Mutabilis' и una varietа di origine non ben definita (sembra sia originata da un'ibridazione, ma comunque non si hanno notizie certe): l'unico cosa che si sa и che nel 1932 venne donata ad Henri Corrйvon (un vivaista svizzero) dalla famiglia Borromeo, proprietaria dell'Isola Bella sul Lago Maggiore, nei cui giardini era coltivata fin dal XVIII° secolo, e da quel momento diffusa nei vivai di tutto il mondo. 
La sua peculiaritа principale и la presenza su uno stesso arbusto di fiori e foglie di colori diversi secondo l'etа. La fioritura и continua e molto prolungata nella stagione (dai primi tepori primaverile sino al sopraggiungere dei primi freddi), a patto che siano forniti alla pianta adeguati quantitativi idrici. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno e, rispetto ad altre rose, и leggermente sensibile alle basse temperature, per cui nelle zone a clima invernale rigido и preferibile coltivarla in posizione riparata. И invece assai resistente all'inquinamento, per cui si adatta egregiamente all'ambiente urbano, potendo essere utilizzata anche nelle rotatorie e nelle bordure delle aiuole cittadine. La crescita и relativamente lenta ed i rami, muniti di robuste spine, conferiscono alla pianta un aspetto morbido ed espanso. И un arbusto che non necessita di cure particolari e non ha bisogno di potature, a meno che non vi sia la necessitа di contenerne le dimensioni, nel qual caso si puт intervenire anche piuttosto energicamente a fine inverno.


il fogliame и molto fitto e le foglie sono alterne, picciolate, imparipennate, composte da 3-5 foglioline ovali, dentate. Anch'esse, come i fiori, subiscono dei cambiamenti cromatici man mano maturano. Inizialmente sono di colore rosso cremisi e poi diventano piщ bronzee fino ad assumere una colorazione verde scuro


i fiori sono non profumati, semplici, picciolati (2-2,5 centimetri), portati a mazzetto all'apice degli steli piuttosto sottili e, come per tutte le rose cinesi o che derivano da esse, di colore rosso soprattutto nei primi tempi dalla loro comparsa: nascono infatti come boccioli di colore rosso scuro e via via che si aprono, assumono colorazioni diverse, dapprima color giallo o arancio, poi rosa ramato ed infine color cremisi o bianco-rosato con un centro ricco di stami grandi e dorati.


vedi tassonomia

genere Rosa

fam. Rosaceae

torna all'elenco

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]