cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Rosa 'Winchester Cathedral'®

 
famiglia: Rosaceae
sinonimi: 'Auscat' (PBR)
nomi comuni:

rosa Winchester Cathedral

genere Rosa

fam. Rosaceae

torna all'elenco

la rosa и unanimemente considerata l'indiscussa regina dei giardini, tanto che esistono in commercio innumerevoli libri, articoli e pubblicazioni che ci raccontano la sua storia, come coltivarla e come orientarci nella scelta tra le migliaia e migliaia di varietа che ne sono state create. Questa pianta и stata raccolta dalla natura ed introdotta nei giardini ornamentali sin dai tempi piщ remoti ed in tutte le culture: nella civiltа cinese ed in quella egizia (circa 5000 anni fa), poi nella civiltа persiana ed infine in quella greca ed in quella romana le rose erano coltivate sia a scopo ornamentale, sia per ricavarne essenze utilizzate per la cura del corpo. Nel corso dei secoli le oltre 500 tra specie spontanee ed ibridi che si ritrovano in natura (in gran parte originarie di una zona che va dalla Cina occidentale alle zone montuose dell'Himalaya, con un numero inferiore di specie autoctone in Europa, Nord America e Africa nord-occidentale) hanno subito processi di manipolazione, selezione ed ibridazione che hanno portato alla creazione di un numero grandissimo ed imprecisato di nuove forme, tipi e varietа, in costante aumento anno dopo anno grazie alla solerte opera dei tanti ibridatori. La classificazione delle innumerevoli varietа di rosa и una faccenda alquanto complicata e controversa, tanto che non esiste ancora un metodo univoco, ma vi sono tuttoggi vari sistemi che le inquadrano ognuno in base a criteri quali la parentela, il portamento, il tipo di fioritura e di fiore, la taglia e via discorrendo. Uno dei metodi piщ semplici ed a portata di mano degli appassionati coltivatori di rose и il seguente: clicca qui

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

'Winchester Cathedral' и una varietа di rosa selezionata dal notissimo ibridatore inglese David Austin nel 1988 da una mutazione della varietа 'Mary Rose', della quale conserva gran parte delle caratteristiche ad eccezione del colore del fiore. Trattandosi di una mutazione talvolta puт presentare fenomeni piщ o meno marcati di regressione alla forma originaria, con chiazze rosa di varia grandezza sul singolo fiore o su interi rami. Come la sua progenitrice appartiene al gruppo degli ibridi di Tea (gr. 3). Forma un arbusto rustico ed elegante, di medie dimensioni, alto e largo fino ad 120 centimetri, simmetrico, coi rami arcuati, poco soggetto alle malattie, con fogliame lucido di colore verde scuro, ideale per la formazione di aiuole e bordure, che fa una splendida figura se lasciato crescere liberamente contro un muro basso od uno steccato. La rifiorenza и buona, con fiori doppi, di colore bianco puro, talvolta rosati al centro, larghi circa 7 centimetri, riuniti in numero di 3-7 su corimbi terminali, che compaiono ad intervalli regolari da giugno fino alla comparsa dei primi geli. Il profumo и intenso, come quello delle rose antiche, con sentori di miele, mirra e mandorla. Gradisce posizione soleggiate e terreni fertili e ricchi di humus, umidi ma ben drenati. Nei climi freddi va protetta dalle gelate durante i primi anni, mentre in quelli piщ caldi vive meglio, sviluppando una profumazione dei fiori piщ intensa. I corimbi sono ottimi per essere recisi.


i fiori, inizialmente a coppa poi a rosetta, sono doppi, con circa 80 petali, larghi fino a 7 centimetri e molto profumati, di colore bianco puro, talvolta con sfumature rosate, in particolare verso il centro.


 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]