cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Robinia pseudoacacia L. 1753

 
famiglia: Fabaceae
sinonimi:
nomi comuni:

robinia, falsa acacia

vedi tassonomia

genere Robinia

fam. Fabaceae

torna all'elenco

 

ETIMOLOGIA: il nome generico и stato dato in onore dei due giardinieri francesi Jean e Vespasiйn Robin, padre e figlio. Il primo, arborista, botanico del Re, curatore del 'Giardino della Facoltа' di medicina, ove si coltivavano le piante medicinali, descrisse questa specie, ne importт i semi dall'America nel 1601, li seminт e fece germogliare le prime piantine; il secondo, che gli succedette, ne piantт nel 1635 il primo esemplare europeo (tuttora vivente) nel 'Jardin du Roi' a Parigi. L'epiteto specifico pseudoacacia sta a significare 'falsa acacia', a sua volta derivato dal sostantivo greco akis (spina)

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

la robinia и un albero deciduo originario dell'America del Nord, alto fino a 25 metri, che spesso puт presentarsi sotto forma di grande arbusto. Fu importata nel continente europeo all'inizio del XVII° secolo a scopo ornamentale, mentre in Italia questa specie venne impiantata per la prima volta nel 1662 nell'Orto Botanico di Padova. Attualmente la specie si и ormai ampiamente naturalizzata in tutta Europa, in particolare nelle aree meno fredde e piщ esposte al sole. Come ornamentale, anche nelle sue diverse varietа, и impiegata per l'estrema rusticitа e la resistenza all'atmosfera urbana, essendo praticamente indifferente al tipo substrato ed all'attacco dei parassiti.
И infatti una pianta estremamente rustica e robusta, poco attaccata dai parassiti, che puт diventare infestante grazie sia alla sua grande capacitа di autodisseminazione, sia alla notevole emissione di polloni radicali, che danno origine a nuove piante accanto a quella 'madre'. Nel complesso puт essere considerata una specie pioniera, che perт (almeno al di fuori del suo areale di vegetazione naturale) presenta una limitata longevitа (60-70 anni). Come tutte le leguminose, и in simbiosi radicale con microrganismi azotofissatori e quindi puт arricchire il suolo di azoto.
Il massiccio utilizzo che ne и stato fatto in passato и stato determinato sia dalla rapida crescita di questa specie, sia dalla sua grande attitudine, grazie ad un apparato radicale molto sviluppato, nel consolidare terreni riportati, come quelli delle massicciate ferroviarie oppure di aree franose o degradate. Inoltre come pianta spinosa si adattava a formare siepi di confine, mentre il fogliame forniva un ottimo foraggio per gli animali domestici ed in particolare per i conigli; le piante adulte fornivano poi un ottimo legname, adatto sia come combustibile sia per la costruzione, in particolare delle ruote dei carri. Ben presto la specie и sfuggita alla coltivazione, insediandosi ovunque nel territorio, tanto che  oggi si tende a ridurne l'impiego in quanto и considerata specie infestante, che tende gradualmente a limitare e soppiantare la flora autoctona, caratterizzata da una crescita piщ lenta

la chioma и globosa e la corteccia dei giovani rami presenta una caratteristica reticolatura, mentre nei rami piщ adulti e nel tronco essa diviene rugosa e fessurata, screpolata e nodosa, assumendo un colore grigio-marrone chiaro. Sia il fusto che i rami sono provvisti di robuste spine

le foglie della robinia sono alterne e picciolate, con 2 stipole alla base, composte, imparipennate, di colore verde intenso sopra e piщ chiare sotto, lunghe fino a 25 centimetri, costituite da 7-21 piccole foglioline ovali a loro volta munite di picciolo, che divengono dorate prima di cadere in autunno

i fiori, papilionacei e profumati, di colore bianco-crema, sono riuniti in racemi ascellari penduli, lunghi fino a 15 centimetri e sbocciano da fine aprile a giugno. Sono molto graditi dalle api che, dopo averli visitati, producono un miele abbastanza pregiato (chiamato erroneamente miele d'acacia)

i frutti, come in altre leguminose, sono dei legumi simili a fagioli, schiacciati e leggermente pubescenti, di colore bruno-rossastro a maturitа  contenenti al loro interno semi reniformi, duri, bruno-scuri con macchiettatura piщ scura

USO ALIMENTARE ED OFFICINALE

i fiori della robinia sono commestibili e possono essere impiegati per farne frittelle, marmellate o liquori. Presentano proprietа antispastiche, aromatiche, diuretiche, emollienti e lassative. I semi, ricchi di proteine ed altre sostanze nutritive, sono stati impiegati, previa tostatura, per l'alimentazione umana in periodi di carestia o carenza di altri alimenti. Tutte le altre parti della pianta sono da considerarsi tossiche per l'uomo per la presenza di alcuni alcaloidi, anche se un tempo venivano utilizzate la corteccia come lassativo e tonico e le foglie come emetico e per il corretto funzionamento del fegato. Dai fiori puт essere estratto un olio essenziale da impiegarsi nell'industria cosmetica 

Attenzione!! Questi non sono consigli medici!! 
Usate eventuali prodotti con cautela e solo secondo le prescrizioni del medico o dell’erborista

ALTRE VARIETА DI Robinia pseudoacacia

Robinia pseudoacacia 'Casque Rouge'     Robinia pseudoacacia 'Frisia'   
Robinia pseudoacacia 'Umbraculifera'

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]