cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Rhaphiolepis umbellata (Thunb.) Makino

 
famiglia: Rosaceae
sinonimi: Rhaphiolepis ovata
Rhaphiolepis japonica
Laurus umbellata
nomi comuni:

rafiolepis

vedi tassonomia

genere Rhaphiolephis

fam. Rosaceae

torna all'elenco

 

ETIMOLOGIA: il nome generico и stato coniato unendo i due termini greci rhaphis (ago) e lepis (squama, scaglia), per le brattee caduche lunghe, strette ed appuntite che accompagnano i fiori. 
L'epiteto specifico proviene dall'aggettivo latino umbellatus -a -um (a forma di ombrello) per la forma delle infiorescenze

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

la rafiolepis и un arbusto sempreverde originario del Giappone e della Corea, dove vive nelle boscaglie lungo le coste, dal portamento compatto ed una crescita piuttosto lenta: le sue dimensioni sono contenute, potendo arrivare in coltivazione ad un'altezza di 100 centimetri ed una larghezza di 150. Specie abbastanza rustica, resiste a temperature di -10°C. Pur tollerando la mezz'ombra gradisce posizioni soleggiate e si adatta a tutti i tipi di terreno, preferendo perт quelli leggeri, tendenzialmente acidi, umiferi e ben drenati. Per la sua taglia ridotta и pianta ideale per piccoli spazi, da inserire nelle bordure o come tappezzante per superfici ridotte

le foglie sono intere, ad inserzione alterna, obovate, lunghe 4-7 centimetri, di colore verde intenso, lucide nella pagina superiore ed opache sotto, coriacee e cuoiose, con margine quasi liscio o finemente serrato.

i fiori profumati, riuniti in infiorescenze a pannocchia di 7-10 centimetri, larghi circa 1,5 centimetri ciascuno, hanno colore bianco-rosato e sono formati da 5 petali ed una quindicina di stami ben evidenti. La fioritura inizia da aprile fino a giugno, potendosi prolungare fino all'autunno inoltrato

i frutti sono piccoli pomi della dimensione di un cece (1 centimetro), rotondeggianti o piriformi, di colore nero e ricoperti da abbondante pruina. Persistono sulla pianta tutto l'inverno, tendendo a rimanere nascosti tra le foglie. Una volta cotti sono commestibili e possono essere impiegati per fare marmellate.

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]