cerca un argomento         powered by freefind

fam. Lythraceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Punica granatum - melograno da frutto

 
vedi tassonomia

genere Punica

fam. Lythraceae

torna all'elenco

Bologna, 13 giugno 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

Bologna, 31 luglio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

il melograno и un arbusto od un piccolo albero spogliante originario della Persia e dell'Afghanistan, coltivato da tempo immemorabile sia per la produzione di frutti, sia per la splendida fioritura. Sia le varietа da frutto sia quelle da fiore sono molto pollonifere, coi fusti spesso contorti e spinosi, per cui и abbastanza difficoltosa la coltivazione ad alberello. Predilige le zone a clima mite, per cui nelle zone piщ fredde deve essere messo in posizione riparata. Cresce bene in posizione soleggiata ed in terreni fertili, freschi, di medio impasto.


Bologna, 31 maggio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

le foglie sono opposte o sub opposte, lucide, strette ed allungate, intere, larghe 2 cm e lunghe 4–7 cm, dapprima rossastre poi di colore verde chiaro.


Bologna, 31 luglio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

I fiori compaiono da maggio a luglio e sono fiori tubulosi, lunghi 3-5 cm con il calice di colore rosso e di consistenza coriacea, persistente e dal quale, fuso con l’ovario, si origina il frutto. La corolla invece и formata da petali caduchi, generalmente rossi.


Bologna, 31 luglio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

Il frutto (la melagrana) и una bacca (o piщ propriamente una 'balausta') di consistenza robusta, con buccia dura e coriacea, di forma rotonda o leggermente allungata, del diametro di 5-12 cm, la cui dimensione и condizionata dalla varietа e dalle condizioni di coltivazione. All'interno del frutto troviamo delle ripartizioni interne che svolgono funzione di placentazione ai semi, detti arilli (fino a 600 ed oltre per frutto). In alcune varietа i semi sono circondati da una polpa traslucida colorata dal bianco al rosso rubino, piщ o meno acidula e, nelle varietа a frutto commestibile dolce e profumata. Il frutto reca in posizione apicale (opposta al picciolo) una caratteristica robusta corona a quattro cinque pezzi, residuo del calice fiorale.


 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico