cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

X Phylliopsis hillieri 'Sprite'

 
famiglia: Ericaceae
sinonimi: Phylliopsis 'Sprite'
X Phylliopsis 'Sprite'
nomi comuni:

 

ETIMOLOGIA: trattandosi di un ibrido interspecifico, il nome generico и coniato dall'unione del nome dei due generi da cui ha preso origine, cioи Phyllodoce e Kalmiopsis

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando 

Phylliopsis и un arbusto sempreverde di origine orticola, selezionato da incroci tra specie appartenenti ai generi Phyllodoce e Kalmiopsis. Sono piante di taglia nana e dalla crescita piuttosto lenta, con foglie persistenti, semplici ed alterne e fiori a campana simili a quelli dell'erica (ma piщ grandi), che compaiono nel periodo primaverile. Gradiscono un'esposizione semi-ombreggiata e terreni sciolti, freschi ed umiferi, a  reazione acida e privi di calcare. Resiste bene al freddo, sopportando temperature fino a -15°C.
Dopo la fioritura si puт accorciare la vegetazione che ha appena fiorito per tenere compatta la forma della pianta.
Trovano impiego in balconi e terrazzi, all'ombra di alberi ed arbusti piщ grandi, oppure nel giardino roccioso.

la varietа 'Sprite' raggiunge i 40-50 centimetri sia di altezza che di larghezza, con fogliame fitto, di colore verde intenso, formato da piccole foglie lanceolate o lineariformi, lucide e carnose.

i fiori, riuniti in racemi terminali eretti, sono campanuliformi (tipici delle Ericaceae) e di colore rosa pallido. La fioritura avviene in tarda primavera, da aprile a maggio. Talvolta puт presentare una seconda fioritura in settembre-ottobre.

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato

 

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]