cerca un argomento         powered by freefind

fam. Amaryllidaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Pancratium maritimum 

 

sinonimo: Pancratium angustifolium

nomi comuni: giglio di mare, pancrazio, narciso marino


vedi tassonomia

genere Pancratium

fam. Amaryllidaceae

torna all'elenco


ETIMOLOGIA: il nome generico proviene dall'unione dei termini greci pan (tutto) e krбtos (forza), per le presunte virtщ terapeutiche della pianta. L'attributo specifico latino maritimum (marino) si riferisce all'habitat naturale della specie


il giglio marino и una pianta erbacea bulbosa alta fino a 50 centimetri che cresce spontanea negli arenili e nelle dune costiere italiane e mediterranee sud-occidentali, sulle rive del Mar Morto, nonchй sulle coste atlantiche del Portogallo e sulla costa meridionale del Mar Nero, che puт anche essere coltivata nei giardini, in particolare quelli vicino al mare. In Italia la si puт trovare allo stato selvatico nelle dune e nelle spiagge tirreniche (in Liguria e dalla Toscana in giщ), in quelle adriatiche (Molise e Puglia), ioniche ed in quelle delle due isole maggiori (particolarmente diffuso in Sardegna, assieme al P. illyricum). Purtroppo questo fiore, cosм come altre piante 'psammofile' (tipiche delle sabbie ad altra concentrazione di salsedine), sta diventando ormai sempre piщ raro a causa dell'antropizzazione dei litorali, che provoca una  progressiva scomparsa delle dune sabbiose che costituiscono la sua dimora prediletta. Per questo motivo in molte zone и considerato specie protetta ed и assolutamente proibito raccogliere le piantine oppure asportarne i fiori od i bulbi.
Nei giardini cresce facilmente a patto di fornirgli posizioni riparate, estremamente calde e soleggiate e terreni molto sciolti, quasi sabbiosi, assai ben drenati. Tollera periodi anche molto prolungati di siccitа e per arrivare alla fioritura esige estati molto calde, tendendo a ridurre la produzione di fiori nei climi piщ freschi. In inverno sopravvive a temperature fino a -5°C: la parte aerea scompare e dissecca, mentre il bulbo, allungato e largo circa 5-6 centimetri, rimane quiescente sotto la sabbia.
Durante la crescita le annaffiature devono essere regolari fino alla fioritura, poi quando le foglie cominciano ad appassire, occorre sospenderle completamente. Alla fine dell'estate, quando le foglie si sono seccate completamente, le piante possono essere propagate: si dividono i bulbilli e si ripiantano in vasetti di 8-10 centimetri di diametro, rinvasandole ogni anno fino a quando sono in grado di fiorire, quindi si mettono a dimora. Le piante adulte non amano il trapianto e, nel caso questo fosse necessario, и assai importante non rovinarne radici carnose.


i bulbi, simili a quelli dei narcisi, sono relativamente grandi, frequentemente hanno un collo lungo, e sono coperti di catafilli cartacei di colore marrone chiaro. Il fusto и dato dallo scapo fiorale, robusto e compresso, terminante con una 'spata' a due valve che avvolge la base dei tubi fiorali. Le foglie sono basali, nastriformi, larghe 1-2 centimetri e lunghe fino a 60, spesso ripiegate longitudinalmente a doccia o ritorte a spirale, di colore verde-grigio, presenti in numero di 5-6 per ogni bulbo.


i fiori, simili a quelli del narciso, sono profumati, di colore bianco puro e, come in tutte le bulbose, non hanno un calice ed una corolla distinti tra loro (perianzio composto di sepali e petali) ma un perigonio formato da 6 tepali petaloidei concresciuti per due terzi della loro lunghezza a formare un tubo fiorale lungo 5-8 centimetri, stretto e di colore verde. Nel terzo superiore si allargano ad imbuto in sei lacinie lineari bianche, concresciute fino a metа e con una costolatura verde. Come nei narcisi и presente una 'paracorolla', formata da 6 lobi biforcati all'apice, che danno origine a 12 denti triangolari. Contrariamente al narciso gli stami non partono dal fondo della corolla: infatti alla sommitа dei lobi troviamo inseriti 6 stami molto evidenti, che escono dalla paracorolla mostrando una antera arcuata di colore giallastro. 
I fiori del pancrazio compaiono da luglio a settembre e sono riuniti in ombrelle aventi ciascuna da 3 a 10 elementi. Il loro profumo и particolarmente percettibile nelle ore serali e notturne, in assenza di vento.
L'impollinazione avviene tramite un lepidottero sfingide chiamato Agrius convolvoli, che curiosamente riesce a visitare il fiore solo quando la velocitа del vento и inferiore ai 2 metri al secondo.


da ogni fiore dell'infiorescenza prende origine un frutto, cosicchи troviamo alla sommitа del vecchio scapo fiorale un gruppo di capsule obovoidali e triloculari di 2-3 cm di lunghezza, ognuna delle quali contiene numerosi semi neri.


PROPRIETA' OFFICINALI: la medicina tradizionale in Africa ed in Asia  sfrutta le proprietа curative del giglio di mare, proprietа che erano giа note in Europa fin dall'antichitа: tuttavia la pianta и da considerarsi potenzialmente velenosa per ingestione in quanto contiene alcaloidi tossici molto potenti, in particolare pancratistatinatazzetina, con proprietа allucinogene e cardiotossiche 

In caso di intossicazione non indurre il vomito ma, anche in assenza di sintomi, portare la persona intossicata al piщ vicino Pronto Soccorso e contattare un centro antiveleni.


 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico