cerca un argomento         powered by freefind

fam. Amaryllidaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Leucojum vernum - campanellino, falso bucaneve


sinonimi: Leucojum vernum  var. biflorum   -   Erinosma verna


tassonomia

genere Leucojum

fam. Amaryllidaceae

torna all'elenco


ETIMOLOGIA: il nome generico deriva dall'unione dei termini greci leukуs (bianco) e нon (viola), per i fiori bianchi, talvolta profumati di violetta. L'attributo specifico latino vernum  sta ad indicare il periodo di fioritura primaverile della pianta


il campanellino и una pianta erbacea perenne, bulbosa, rustica e resistente, alta fino a 40 centimetri, originaria dell'Europa meridionale, dai Pirenei fino alla Romania ed alla Russia sud-occidentale, ma naturalizzata ad opera dell'uomo in gran parte delle zone temperate dell'emisfero boreale. In Italia cresce allo stato spontaneo prevalentemente nelle regioni del Nord, ma la si puт trovare sporadicamente anche nell'Appennino settentrionale, sulle Alpi Apuane e nelle Marche. Presenta una distribuzione discontinua, a macchia di leopardo (anche se alcune colonie sono molto ricche) e soprattutto con areali in continua contrazione, specialmente nelle aree pianeggianti, dove i siti di crescita sono sotto la continua minaccia legata all'antropizzazione del territorio. Si puт facilmente confonderlo col bucaneve (Galanthus nivalis) ma и piщ alto e robusto, con una fioritura leggermente ritardata e piщ duratura. 
И specie debolmente sciafila, che predilige vivere in luoghi umidi e semi-ombreggiati come i boschi radi di latifoglie, ma possiamo rinvenirla anche in prati umidi o sulle rive di fossi e canali, fino ad un'altitudine di 1500 metri. Il terreno preferito и quello pesante, umido e ricco di sostanza organica. 
Le piante di questa specie sono coltivate nei giardini europei da tempo remoto (secondo alcuni scritti giа dal XVI° secolo), con l'impiego principale nella formazione di giardini rocciosi, nei muri fioriti, in bordure o macchie sotto alberi ed arbusti. Generalmente
la moltiplicazione avviene in autunno, mediante la separazione dei bulbilli e la loro immediata piantagione. I bulbi vanno posti ad una profonditа di circa 10 centimetri, distanti altrettanto tra loro.



il bulbo ha forma sub-sferica (12-30 millimetri di diametro) ed и avvolto da tuniche di colore biancastro: da esso si sviluppano foglie basali ed amplessicauli, glabre, piatte e nastriformi, dall'apice arrotondato, carnose e lunghe poco meno del fusto e del fiore (la lunghezza и di 10 centimetri e la larghezza da 5 a 12 millimetri). La lamina fogliare, di colore verde scuro e lucida sulla pagina superiore, presenta evidenti nervature disposte parallelamente al suo asse longitudinale.


i fiori sono singoli, lunghi e larghi circa 2 centimetri, penduli, campanulati e delicatamente profumati, portati su scapi verdi con la sommitа spatiforme ed ingrossata. Come in tutte le bulbose, non hanno un calice ed una corolla distinti tra loro (perianzio composto di sepali e petali) ma un perigonio formato da 6 tepali petaloidei non saldati tra loro, dall'apice ristretto ed arrotondato, disposti in due serie concentriche (3 interni e 3 esterni) a formare una campanella di colore bianco puro con una macchia di colore giallo-verdastro all'apice di ciascun elemento. L'androceo и formato da 6 stami bianchi con antere gialle, piщ lunghe del filamento, alla cui sommitа sono inserite lungo un asse longitudinale. Il gineceo и un pistillo con stilo bianco ingrossato ed a forma di clava, alla cui sommitа и inserito uno stigma verdastro. La fioritura и da febbraio ad aprile, secondo l'altitudine e l'esposizione al sole del terreno. Un elemento importante per la precoce fioritura della pianta и la fine dell'innevamento nelle varie aree montane. In genere fioriscono un paio di settimane dopo i bucaneve. Al termine della fioritura si forma un frutto a forma di capsula che ricorda una pera in miniatura.


ATTENZIONE: come tutte le amarillidacee, questa pianta и velenosa per ingestione, in quanto contiene nelle radici e nelle foglie, ma soprattutto nei bulbi, alcaloidi tossici come galantamina e lycorina, che possono provocare vomito, capogiri, brividi, ma anche avvelenamenti piuttosto gravi. И da evitare quindi l'uso domestico sia in cucina che come farmacia popolare.



 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico