cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Hypoestes phyllostachya Baker, 1887

 
famiglia: Acanthaceae
sinonimi: Hypoestes maculata
Hypoestes sanguinolenta
nomi comuni:

ipoestes

vedi tassonomia

genere Hipoestes

fam. Acanthaceae

torna all'elenco

ETIMOLOGIA: il nome del genere и stato coniato dai termini greci antichi hipуs (sotto) ed esthйs (veste, casa), per la conformazione del fiore, col calice che rimane coperto e nascosto da brattee. L'epiteto specifico и formato anch'esso dall'unione di due termini greci antichi: phэllon (foglia, lamella) e stбkhys (spiga), per la forma delle infiorescenze a spiga

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

la ipoestes и una piccola pianta erbacea o suffruticosa sempreverde, originaria del Madagascar e dell'Africa sud-orientale, delicata, da coltivare in appartamento oppure in serra, apprezzata per la peculiaritа delle foglie, punteggiate di rosa, che ne fanno una pianta da interni inusuale e piuttosto appariscente. И una pianta di breve durata e dalla crescita piuttosto lenta, che raramente supera i 40-50 centimetri in altezza ed in larghezza, tendendo ad assumere un portamento cespuglioso tendenzialmente prostrato.
Non tollera temperature inferiori ai +10°C (con una temperatura ideale intorno ai 18-27°C) e preferisce posizioni luminose ma semi-ombreggiate dalla primavera all'inizio dell'autunno (la luce filtrata di una finestra a sud o ad ovest sarebbe l'ideale), mentre in inverno occorre spostarla in una posizione molto piщ luminosa, in quanto con un'illuminazione insufficiente le punteggiature fogliari tendono a scomparire e gli steli 'filano', sviluppandosi molto in altezza e dando all'intera pianta un aspetto spoglio e rado. Se in estate si portano le piante all'aperto, occorre posizionarle al riparo dall'incidenza diretta dei raggi solari, per prevenire bruciature delle foglie.
Predilige terreni ricchi di materia organica, soffici, che trattengano una discreta dose di umiditа, assicurando comunque un buon drenaggio.
Le annaffiature devono essere moderate durante il periodo vegetativo, mantenendo il terreno umido ma non inzuppato ed ulteriormente diradate durante l'inverno, per permettere l'entrata in riposo della vegetazione. Durante la buona stagione occorre somministrare un buon fertilizzante liquido a cadenza bisettimanale. Per favorire la crescita della pianta и opportuno fornire un certo grado di umiditа relativa (superiore al 50%) sia con frequenti nebulizzazioni del fogliame, sia collocando il vaso sopra uno strato di argilla espansa mantenuta umida. Anche il raggruppamento di piщ piantine in una ciotola puт servire a mantenere intorno ad esse un adeguato tasso di umiditа.
Perchи le ipoestes mantengano un aspetto compatto si possono 'pizzicare' gli apici dei rami, che non potranno piщ allungarsi saranno perciт costretti a risvegliare le gemme laterali, rinfoltendo la vegetazione. I rami che si allungano troppo possono essere recisi drasticamente.
L'ipoestes puт essere moltiplicata per talea di fusto in primavera od in estate oppure, se trattata come una pianta annuale da inserire nelle bordure, riprodotta per seme in primavera.


Le foglie sono opposte, ovate, con l'apice acuminato, con la lamina fogliare di un bel colore verde intenso, ruvide al tatto e punteggiate da vistose macchiettature rosa (o di altro colore, a seconda della varietа) sulla pagina superiore. I fiori, riuniti in spighe, sono piccoli ed insignificanti, di colore lillа-porpora: и preferibile asportarli non appena compaiono perche sono poco decorativi e sottraggono energie alla pianta. Oggigiorno sono in commercio diverse varietа con punteggiature fogliari di tonalitа che vanno dal bianco fino al rosso, passando per tutte le gradazioni intermedie.


 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]