cerca un argomento         powered by freefind

fam. Malvaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Hibiscus syriacus - ibisco, ibisco cinese, rosa di Sharon

 

sinonimo: Hibiscus chinensis, Althaea frutex


ETIMOLOGIA: il nome generico proviene dal termine greco hibiskтs, col quale Dioscoride denominт le piante simili all'altea, termine poi ripreso dal poeta latino Virgilio. L'attributo specifico latino syriacus и riferito alla provenienza mediorientale di questa specie.


vedi tassonomia

genere Hibiscus

fam. Malvaceae

torna all'elenco


l'ibisco и un piccolo alberello od un arbusto spogliante di medie dimensioni, alto fino a 3-4 metri, dalla chioma globosa e molto ramificata, originario del Medio Oriente. In Italia и assai diffuso in tutte le regioni, ampiamente coltivato nei giardini per la splendida fioritura estiva e talvolta naturalizzato. Fra tutte le specie di Hibiscus и sicuramente la piщ rustica e resiste molto bene alle basse temperature, adattandosi anche ai terreni argillosi e mediamente calcarei, pur preferendo quelli freschi e profondi, mediamente umidi e posizioni molto soleggiate. Si adatta perт anche alla mezz'ombra. Sopporta molto bene le drastiche potature, che non ne intaccano la capacitа fiorifera e si presta quindi anche alla creazione di siepi. Il suo impiego migliore и perт quello come esemplare singolo o a gruppi, che ne risalta la capacitа di rifiorire in continuazione durante l'estate. Si adatta anche alla coltivazione in vaso, per la decorazione di terrazzi e giardini sopraelevati


le foglie sono decidue, di forma ovale, talvolta trilobate, col margine dentato e la lamina di colore verde scuro


la fioritura appariscente e prolungata и senz'altro il motivo principale dell'ampia diffusione nei giardini di questa pianta. I fiori compaiono in abbondanza dalla fine di luglio sino all'autunno inoltrato e sono solitari, ascellari, di colore violetto nella specie tipo, larghi da 8 a 10 centimetri, imbutiformi, con la corolla formata da 5 petali dal cui centro si sviluppa una colonna staminale, sulla quale sono disposti gli stami, piщ lunga della corolla, che porta sul suo prolungamento lo stilo, terminante con cinque pistilli. Esistono in commercio numerose varietа di questa specie, che si distinguono in base alla forma del fiore (semplice, semidoppio, doppio o stradoppio) e del suo colore (dal bianco al viola cupo fino al blu, passando per diverse gradazioni intermedie, generalmente con la zona centrale di colore diverso da quello della zona esterna dei petali)


i frutti, non molto decorativi, sono capsule ovali, larghe circa 2,5 centimetri, che a maturitа si aprono liberando semi cigliati

USO ALIMENTARE OD OFFICINALE: le parti di questa pianta, ricche di mucillaggini, antociani e carotenoidi, presentano proprietа farmacologiche confermate dalla moderna ricerca scientifica. In particolare ad esse viene attribuita un'azione diuretica, antisettica, espettorante, emolliente, febbrifuga, antiscorbutica ed emostatica. Il decotto и impiegato come diuretico, contro il prurito della pelle e per il trattamento di dolori addominali, diarrea e dissenteria, mentre l'estratto dei fiori dimostra efficacia contro l'ipertensione ed i disturbi del fegato

Attenzione !!
Questi non sono consigli medici!! Usate eventuali prodotti con cautela e solo secondo le prescrizioni del medico o dell’erborista


guarda anche Hibiscus syriacus 'Diana' e Hibiscus syriacus 'Dorothy Crane'


 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico