cerca un argomento         powered by freefind

fam. Scrophulariaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Hebe x andersonii 'Variegata' - veronica variegata 


sinonimi: Hebe x 'Andersonii Variegata'

 

vedi tassonomia

genere Hebe

fam. Scrophulariaceae

torna all'elenco

Bologna, 10 novembre 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

и un piccolo arbusto sempreverde, alto e largo fino a 150 centimetri, di origine orticola. Il portamento и compatto e la crescita и abbastanza rapida. И una pianta semirustica, parzialmente sensibile al freddo, che teme il gelo prolungato e tollera l’aria salmastra. Si puт coltivare nelle cassette e nelle fioriere d’appendere al balcone, in pianura come al mare, oppure utilizzare per bordure fiorite in giardino, ideale accanto agli arbusti che hanno perso le foglie per nasconderne la base spoglia. L’esposizione soleggiata favorisce la variegatura delle foglie e l’apertura dei numerosi boccioli presenti su ogni spiga fiorale, ma vive relativamente bene anche in zone parzialmente ombreggiate.  Gradisce terreni fertili e ben drenati, con pH compreso tra 5 e 7,5.


Bologna, 10 novembre 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

le foglie sono carnose, oblungo-lanceolate, ondulate, col centro verde scuro striato di grigio-verde ed i margini color crema.


Bologna, 10 novembre 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

i fiori color viola-porpora sono riuniti in dense spighe lunghe fino a 15 centimetri e compaiono dalla tarda estate fino ad autunno inoltrato. L'apertura dei singoli fiorellini sulla spiga и scalare ed inizia a partire dalla zona inferiore.


 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico