cerca un argomento         powered by freefind

fam. Fabaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Gleditschia triacanthos 'Sunburst' - gleditsia inerme

 

Bologna, 7 maggio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

commenti:

varietа di dimensioni piщ ridotte rispetto alla specie tipo, alta fino a 10 metri, con chioma largamente espansa. La caratteristica principale di questa cultivar и rappresentata dal colore delle foglioline, che va dal giallo brillante quando sono giovani, al verde in estate, al bronzo in autunno. La crescita и meno rapida rispetto alla specie, preferisce suoli tendenzialmente acidi, ha una moderata resistenza al vento. Puт essere impiegata in parchi o aree verdi come esemplare singolo o gruppo, oppure in giardini di medie dimensioni. Siccome tollera bene le alte temperature e la siccitа puт essere utilizzata anche in ambito urbano su viali o strade o zone pavimentate.


Bologna, 7 maggio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

commenti:

contrariamente a quanto avviene nella specie tipo, i rami di questa varietа sono privi di spine


Bologna, 7 maggio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

commenti:

le foglie sono decidue, composte, alterne, pennate o bipennate (14-20 foglioline piccole e ovali) di colore giallo in primavera, poi piщ sul verde in estate.


Bologna, 7 maggio 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

commenti:

la fioritura, ornamentale e profumata, avviene in maggio-giugno con fiori bianco-giallastri, femminili e maschili su racemi diversi; i racemi maschili hanno piщ fiori. Nella foto si possono notare le infiorescenze ancora immature


 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico