cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Clerodendrum trichotomum Thunb. 1784

 
famiglia: Verbenaceae
sinonimi: Clerodendrum serotinum  
Volkameria japonica
nomi comuni:

clerodendro giapponese

vedi tassonomia

genere Clerodendrum

fam. Verbenaceae

torna all'elenco

 

ETIMOLOGIA: il nome del genere и coniato dai termini greci klйros (sorte, fortuna) e dйndron (albero), a significare letteralmente 'albero della fortuna', per l'abbondanza e bellezza dei fiori, molti dei quali profumati. L'epiteto specifico proviene dall'unione dei due termini greci trichтs (pelo) e tomтs (strato) per lo strato di peluria che ricopre la pagina inferiore delle foglie

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

 

il clerodendro giapponese и un piccolo alberello deciduo a crescita lenta e portamento espanso, alto e largo fino a 4-6 metri, originario del Giappone e della Cina orientale, da dove poi si и diffuso in tutte le zone a clima temperato ed anche in Italia (intorno al 1860). Predilige posizioni assolate o parzialmente ombreggiate e non ha particolari esigenze di terreno, anche se lo preferisce fertile, ricco di sostanza organica e ben drenato, possibilmente poco calcareo. Nelle zone di montagna ed in quelle vicino al mare и necessaria una protezione dai forti venti e dalla salsedine. 
И una pianta abbastanza resistente al freddo (sopporta fino a -15°C) ed alle avversitа, generalmente utilizzata come pianta ornamentale per la sua rusticitа ed adattabilitа, oltre che per la persistente fioritura estiva di notevole effetto estetico e decorativo e la presenza di frutti molto decorativi. Allevato in forma arborea sviluppa una chioma tondeggiante se coltivato a mezz’ombra, piuttosto espansa se cresciuto in pieno sole.

la corteccia dei giovani rami и liscia e bruna, tomentosa, mentre invecchiando appare ruvida e screpolata, di colore grigio-bruno

le foglie sono decidue, opposte, ovate od ellittiche, grandi fino a 25 centimetri, lungamente picciolate, col margine leggermente dentato ed acuminate all'apice, di colore verde intenso, tomentose sulla pagina inferiore, specialmente in prossimitа delle nervature. Se stropicciate o quando cadono emanano un odore piuttosto sgradevole.

i fiori piccoli, con il calice di colore bianco rosato con quattro stami molto lunghi, bianchi, stellati, riuniti in grandi corimbi intensamente profumati, ricordano quelli del gelsomino e compaiono tra agosto e settembre

i frutti, che compaiono in autunno, sono bacche sferoidali delle dimensioni di un pisello, racchiuse da un calice a forma di lanterna di colore rosso. Dapprima verdi, si scuriscono all'apertura del calice, diventando blu-viola. Non sono tossici e persistono sui rami anche per cinque mesi, da ottobre-novembre fino a gennaio-febbraio

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]