cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Camellia japonica 'California'

 
famiglia: Theaceae
sinonimi: Camellia 'California'
nomi comuni:

camelia, camelia giapponese, camellia, rosa del Giappone

vedi tassonomia

genere Camellia

fam. Theaceae

torna all'elenco

 

ETIMOLOGIA: il nome del genere и stato dato da Carlo Linneo in onore del missionario gesuita e botanico ceco J. J. Kamel (1661-1706), noto col nome latinizzato di Camellus, che svolse la sua opera evengelizzatrice nelle Isole Marianne e nelle Filippine, zone delle quali contribuм anche alla descrizione della flora ed alla diffusione di diverse specie. L'epiteto specifico japonicus -a -um indica la provenienza anche giapponese di questa pianta

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

'California' и una varietа di camelia tra le piщ robuste e rustiche, che origina un denso cespuglio alto e largo fino a 6-8 metri, vigoroso e dal portamento assurgente, che raggiunge le dimensioni definitive in un periodo di 20-50 anni. Il ritmo di crescita и di circa 20-30 centimetri all'anno. Le foglie sono quasi lanceolate, lucide di colore verde intenso durante tutta la stagione vegetativa. Il fiore и semidoppio, di media grandezza, largo fino a 6-8 centimetri, con 2-3 giri di petali di colore rosa carico ed il centro caratterizzato dalla presenza di una gran quantitа di stami di colore giallo, molto appariscenti e decorativi. I fiori risaltano molto bene sul fogliame e la fioritura, che avviene da marzo ad aprile, si prolunga per 4-6 settimane. Teme la esposizione diretta all'incidenza dei raggi solari.

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]