cerca un argomento         powered by freefind

fam. Ranunculaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Caltha palustris - farferugine, calta palustre 

 

sinonimi: Trollius paluster


vedi tassonomia

genere Caltha

fam. Ranunculaceae

torna all'elenco


ETIMOLOGIA: il nome generico proviene da un'alterazione del termine greco kаlathos (coppa, cesto) per la particolare conformazione dei fiori. L'attributo specifico latino palustris (delle paludi) и riferito all'habitat in cui questa specie vive allo stato naturale


la farferugine и una pianta erbacea perenne, cespitosa, alta fino a 50 centimetri, originaria delle zone fredde e temperate dell'emisfero boreale, presente anche in Europa ed in Italia, dove vive e si riproduce spontaneamente su sponde ed alvei dei ruscelli oppure in zone acquitrinose (stagni), ma anche in luoghi erbosi molto umidi. In Italia и presente principalmente nelle regioni settentrionali, in Toscana ed in Calabria. И una specie igrofila, che vive bene nei terreni molto umidi o inondati, preferibilmente acidi, ma si adatta anche ai terreni leggermente alcalini. Puт essere coltivata anche nei giardini, a patto che le venga fornita un'adeguata quantitа d'acqua nel terreno, quindi si rivela adatta ad essere collocata in riva a laghetti, stagni o corsi d'acqua, in posizione soleggiata 


la farferugine и una pianta dai caratteri assai variabili ma generalmente i cespi, che si sviluppano da radici rizomatose, sono assai vigorosi, composti da steli cilindrici e glabri, spugnosi e striati longitudinalmente, dapprima prostrati e sommersi ed in seguito ascendenti, talvolta con radici avventizie ai nodi e rampicanti. Le foglie sono di due tipi, con foglie basali e foglie caulinari. Le prime sono ampie, lungamente picciolate, reniformi o cuoriformi, palminervie, carnose, di colore verde scuro lucente (talvolta con riflessi purpurei), finemente crenate ai margini, larghe 6–8 centimetri e lunghe 5–7. Le seconde sono simili alle precedenti ma piщ piccole e sessili o sub-sessili, con dimensioni che diminuiscono man mano che ci si avvicina all'apice del fusto.


i fiori, che compaiono da marzo a giugno in numero di 2-7 per ogni pianta all'apice degli steli, sono ermafroditi, a forma di coppa, larghi fino a 5 centimetri, portati su peduncoli lunghi 5 centimetri, con 5-8 petali di colore giallo vivo e dalla superficie lucida come le foglie. Gli stami, disposti a spirale, lunghi circa 7 millimetri, sono anch'essi gialli e molto numerosi. L'impollinazione и entomogama.


USO ALIMENTARE OD OFFICINALE: una volta di questa pianta venivano consumati fiori e boccioli fiorali messi sottaceto in sostituzione dei capperi, ma il loro uso и sconsigliato perchи la farferugine, come tutte le ranuncolacee, contiene nei tessuti saponine tossiche molto pericolose per ingestione. In omeopatia dimostra avere proprietа  antireumatiche, diuretiche, antispasmodiche, calmanti il dolore, diaforetiche ed espettoranti. Le foglie essiccate si usano per fare cataplasmi e per curare eruzioni cutanee e dermatiti. I suoi fiori essiccati e trattati con opportuni reagenti forniscono una tinta gialla.

Attenzione !!
Questi non sono consigli medici!! Usate eventuali prodotti con cautela e solo secondo le prescrizioni del medico o dell’erborista


 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico