cerca un argomento         powered by freefind

fam. Asteraceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Tagetes patula  L. 1753 

 

nome comune: tagete, garofano d'India, garofano cinese, puzzola


ETIMOLOGIA: il nome generico proviene dalla denominazione latina del dio etrusco Tages o Tagus, una divinitÓ minore adorata per la sua bellezza e le sue capacitÓ divinatorie, la cui storia ci Ŕ stata tramandata da Cicerone e da Ovidio. Nel linguaggio dei fiori il tagete Ŕ da sempre il simbolo della divinazione. L'attributo specifico proviene dall'aggettivo latino patulus -a -um (ampio, esteso) Ŕ riferito al portamento espanso della pianta


vedi tassonomia

genere Tagetes

fam. Asteraceae

torna all'elenco


il tagete Ŕ una specie erbacea annuale, semirustica, originaria del Messico, compatta e folta, alta e larga fino a 40-45 centimetri, dal fogliame profondamente aromatico e dall'odore non troppo gradevole. La particolaritÓ della fioritura, da giugno ad ottobre, a volte di colorazioni diverse tra il giallo, il rosso ed il bruno, la rende molto idonea a creare splendide bordure. Sia adatta a tutti i tipi di terreno ben drenati, anche non troppo fertili, in posizione soleggiata, dove fiorisce pi¨ abbondantemente e si autodissemina per rinascere l'anno successivo. In alcuni casi tende a diventare infestante. 


le foglie sono di colore verde scuro, di forma ellittica e profondamente divise. Sono ricche di ghiandole oleifere e se stropicciate emanano un odore pungente ed abbastanza sgradevole, tanto che in talune zone la pianta Ŕ chiamata anche 'puzzola'


i capolini della specie tipo sono semplici, ma esistono in commercio numerose varietÓ a fiore doppio, con diverse sfumature di colore che vanno dal giallo all'arancio al rosso, a volte presenti contemporaneamente. A fine fioritura compaiono abbondantissimi i semi che si possono raccogliere per riseminare la pianta l'anno seguente. Se si lasciano cadere sul terreno origineranno nuove piantine che potranno interferire sulle semine primaverili.


 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

info@verdiincontri.com

 

consiglia questa pagina ad un amico