cerca un argomento         powered by freefind

condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Pleioblastus fortunei (v.Houtte) Nakai 1933 'Variegata'

 
famiglia: Poaceae
sinonimi: Pleioblastus variegatus
Arundinaria fortunei 
'Variegata'
Fargesia fortunei
nomi comuni:

bambщ nano variegato

vedi tassonomia

Pleioblastus

Poaceae

torna all'elenco

ETIMOLOGIA: il nome generico и coniato dall'unione dei termini greci antichi plйos (piщ, pieno), e blastуs (germoglio), per i numerosi germogli striscianti, formanti densi cespugli simili a bambщ. L'epiteto specifico ricorda Robert Fortune (1812-1880), botanico scozzese, viaggiatore e cacciatore di piante, che introdusse tante piante dall'estremo Oriente all'Europa, compresa la pianta del tй dalla Cina all'India per la coltivazione in larga scala.

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     


Pleioblastus fortunei и una specie di bambщ originaria del Giappone, alta fino a 120 centimetri e larga fino a 180, che forma folti cespugli, con sottili fusti scuri e zigzaganti portanti foglie ellittico-lanceolate.
La specie tipo non и diffusa nei giardini, ma viene ampiamente coltivata la varietа 'Variegata', chiamata in Giappone 'Chigo-zasa' o 'Shima dake', che ne migliora notevolmente le caratteristiche ornamentali.
И una pianta sempreverde dalla rapida crescita, alta fino ad un metro, piuttosto invadente, che si comporta da tappezzante allargandosi speditamente per mezzo di rizomi sotterranei, che emettono in continuazione nuovi germogli a lato della pianta principale. Puт essere impiegata con vantaggio per il consolidamento dei terreni scoscesi, per riempire ampie zone spoglie del giardino e per delimitare bordi di sentieri e strade, mentre и sconsigliabile utilizzarla nelle bordure miste, perchи pian piano tende ad invadere lo spazio a disposizione, sottraendolo alle altre piante. Per impedire l'espansione in orizzontale delle piante si puт delimitare il terreno intorno ad esse con opportune barriere plastiche anti-rizoma, che limitino lo spazio a disposizione delle radici. Si adatta molto bene anche alla coltivazione in vasi e fioriere.
И una specie estremamente rustica, che sopporta agevolmente temperature fino a -20°C e che dа il suo meglio in posizione soleggiata, dove la variegatura delle foglie и piщ marcata ed evidente. Tuttavia si adatta anche ad esposizioni semi-ombreggiate. Non ha particolari esigenze per quanto riguarda il terreno, adattandosi anche a quelli pesanti ed argillosi, ma preferisce suoli fertili e freschi, ben drenati. Quando i fusti e le foglie sembrano essere troppo vecchi possono essere tagliati a livello del terreno in primavera, per rinnovare la vegetazione migliorandone la qualitа. In questo periodo la pianta puт essere moltiplicata per divisione dei rizomi.


dal rizoma, che striscia appena sotto la superficie del terreno, si originano sottili fusti di colore verde chiaro, cavi al loro interno, con nodi che presentano una efflorescenza cerosa, biancastra, sul lato inferiore. Le foglie, lunghe fino a 15 centimetri e larghe fino a 2, sono lanceolate, con l'apice appuntito, con la lamina di colore verde solcata da striature longitudinali di colore giallo-oro, con eleganti peli bianchi sui due lati.

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]