cerca un argomento         powered by freefind

fam. Berberidaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Berberis thunbergii  - crespino di Thunberg

 
vedi tassonomia

genere Berberis

fam. Berberidaceae

torna all'elenco


ETIMOLOGIA: il nome del genere и coniato dal termine arabo barbaris, col quale veniva denominato il frutto del crespino comune (Berberis vulgaris). L'attributo specifico и dato in onore del botanico svedese C. P. Thunberg (1743-1828), allievo e successore di Linneo, attivo studioso della flora dell'estremo Oriente, del Sudafrica e dell'isola di Ceylon, promotore dell'introduzione in Europa di molte specie per la coltivazione nei giardini.

il crespino giapponese и un arbusto deciduo di medie dimensioni, alto e largo fino a 3 metri, originario del Giappone e delle regioni orientali dell'Asia. Ha portamento compatto, con una chioma densa e disordinata dai rami sottili e spinosi, arcuati, di colore bruno chiaro. Le spine, poste a nodi fogliari, sono lunghe e sottili, singole ma talvolta in numero di tre. Viene impiegata come pianta ornamentale in tutto l'emisfero boreale, sebbene la specie tipica sia stata soppiantata nei giardini dalle numerose varietа derivate dall'attivitа vivaistica. Pur preferendo terreni sciolti e leggermente acidi, con poco calcare, si adatta egregiamente a diverse condizioni pedologiche, anche su substrati difficili e poveri. Predilige esposizioni soleggiate o di ombra luminosa, tollera senza difficoltа l'atmosfera inquinata delle cittа e resiste molto bene alle potature piuttosto drastiche, potendo tranquillamente essere impiegato per l'arredo urbano di zone piuttosto difficoltose


le foglie sono decidue, sub-sessili, obovate, a margine intero, di colore verde intenso sulla pagina superiore, glaucescenti in quella inferiore. In autunno assumo una colorazione rossa molto appariscente ed ornamentale


i fiori, riuniti in racemi lunghi 1-2 centimetri, sbocciano in continuazione a partire da maggio-giugno, originando piccole bacche ovoidali di colore dapprima aranciato poi scarlatto, eduli e molto gradite dagli uccelli


 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico