cerca un argomento         powered by freefind

fam. Begoniaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Begonia semperflorens - begonietta


sinonimi: Begonia X semperflorens cultorum
vedi tassonomia

genere Begonia

fam. Begoniaceae

torna all'elenco



Bologna, 3 settembre 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

и una piccola pianta erbacea perenne originaria del Brasile, quasi succulenta per la carnositа delle foglie, sensibile alle basse temperature, per questo motivo coltivata come annuale nelle zone a clima invernale rigido. И una pianta non molto alta (fino a 40 centimetri), ramificata e cespugliosa, a radici fascicolate, adatta alla coltivazione in giardino ed in vaso, utilizzata per creare bordure, cespugli e macchie colorate. Gradisce luoghi molto luminosi ma non la luce diretta del sole, che potrebbe provocare delle ustioni sulle foglie. Si adatta anche ad un’esposizione in luoghi semi ombreggiati, ma in questo caso si avrа una fioritura piщ scarsa. La temperatura ideale per la crescita delle begoniette и di circa 20°C: ricordiamoci che temono il freddo, quindi и opportuno di non esporle a temperature inferiori ai 14°C.  Predilige un terreno fertile e leggero, meglio se con pH leggermente acido, soprattutto ben drenato. Le irrigazioni dovranno essere regolari in estate e molto ridotte durante l’inverno, facendo particolare attenzione ad evitare che l’acqua ristagni nel terreno o alla base dei vasi.
Le innumerevoli varietа ibride ed orticole di questa specie sono tra le piante piщ comunemente impiegate per la realizzazione di bordure estive.



Bologna, 3 settembre 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

le foglie sono glabre, lucide e carnose, arrotondate od ovato-oblunghe, subcordate, fragili, lungamente picciolate, lunghe e larghe 5-8 centimetri, di colore variabile nelle diverse piante dal verde al porpora scuro-bronzo rossastro, talvolta con sfumature ai margini. I fusti ed i piccioli sono rossastri. L' esposizione diretta del fogliame ai raggi del sole puт provocare ustioni (macchie di color bruno) alla lamina fogliare per l’elevato contenuto idrico.



Bologna, 3 settembre 2010, foto di Pietro Peddes, [email protected]

i fiori singoli o doppi, larghi circa 2,5 centimetri, possono essere rosa, rossi o bianchi (anche se ne esistono anche di bicolori) e compaiono in continuazione e molto numerosi da maggio fino a fine ottobre riuniti in pannocchie pauciflore dalla fioritura scalare.




 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico