cerca un argomento         powered by freefind

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Arabis blepharophylla Hook. & Arn. 1838

 
famiglia: Brassicaceae
sinonimi: Arabis x arendsii
nomi comuni:

arabide della California

vedi tassonomia

genere Arabis

fam. Brassicaceae

torna all'elenco

ETIMOLOGIA: il nome del genere и riferito all'Arabia, al tempo erroneamente considerata come presunta patria d'origine di alcune piante appartenenti a questo genere. L'epiteto specifico и coniato dall'unione dei due termini greci antichi blepharнs (peli delle ciglia) e phyllos (foglia), quindi letteralmente 'foglie cigliate' con riferimento alla tomentositа foglie che paiono ricoperte di peli simili a ciglia.

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     


questa arabide, originaria ed endemica delle zone costiere della California centrale, dove vive su affioramenti rocciosi e pendii erbosi al di sotto dei 1800 metri s.l.m., и una pianta erbacea perenne poco longeva, alta 5-10 e larga 20-25 centimetri, a portamento strisciante e tappezzante, che forma rosette basali di foglie spatolate da cui si dipartono corti peduncoli violacei portanti racemi di fiori di colore rosa-porpora.
И una specie poco esigente, di facile coltivazione, rustica e robusta, tollerante della siccitа, che gradisce posizioni calde e soleggiate e si adatta ad un'ampia gamma di pH ed a qualsiasi tipo di terreno, anche poco fertile e ricco di scheletro. Le concimazioni non sono perciт necessarie e l'unica condizione veramente indispensabile и un ottimo drenaggio, in quanto in presenza di ristagno idrico le piantine vanno soggette ad un rapido deterioramento ed al deperimento: per questo motivo le irrigazioni devono essere moderate e non troppo abbondanti (ogni 10-14 giorni).
Ha una scarsa resistenza alle basse temperature e d'inverno la parte aerea dissecca per ricomparire la primavera successiva.essiva.
И una pianta adatta al giardino alpino ed al giardino roccioso, per la coltivazione in vaso e per la decorazione di muretti a secco. Puт essere impiegata anche come tappezzante nei primi piani delle bordure erbacee e per riempire spazi vuoti alla base degli arbusti coltivati nei contenitori.


le foglie spatuliformi, di colore verde scuro, riunite in rosette basali, hanno il margine irregolarmente dentato e sono ricoperte da una sottile e densa peluria che le fa apparire argentee.

i fiori dolcemente profumati e di lunga durata, di colore rosa-porpora, riuniti in racemi, hanno 4 petali disposti a croce e compaiono da marzo a maggio (talvolta giа a partire da febbraio se le temperature sono miti). La fioritura и molto abbondante, tanto che gli innumerevoli fiori arrivano a nascondere completamente il fogliame e sono molto visitati dagli insetti, in particolare api e farfalle.





 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]