cerca un argomento         powered by freefind

fam. Sapindaceae

Condividi condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Aesculus hippocastanum - ippocastano comune, castagno d'India

 
vedi tassonomia

genere Aesculus

fam. Sapindaceae

torna all'elenco

ETIMOLOGIA: il nome generico и quello con cui gli antichi romani indicavano una quercia dai frutti commestibili, a sua volta derivante da aesca (cibo). L'attributo specifico и coniato dai termini greci ippos (cavallo) e kбstanon (castagno) per l'uso del frutto, simile alla castagna, utilizzato come alimento per i cavalli


 

l'ippocastano comune и un grande albero deciduo, alto fino a 25-30 metri, non molto longevo, originario dell'Europa orientale, dalla penisola balcanica al Caucaso, molto usato come ornamentale nei viali o come pianta isolata in parchi e giardini di grandi dimensioni. Crea una zona d'ombra molto grande e fitta grazie alla sua chioma espansa, che raggiunge anche gli 8-10 metri di diametro pur restando molto compatta. Rustico, tollera le basse temperature e non ha particolari esigenze in fatto di suolo, pur preferendo i terreni umidi e tollerando poco quelli eccessivamente salini. Preferisce posizioni soleggiate.


il tronco и robusto, eretto, molto ramificato ed origina una chioma densa, tondeggiante o piramidale per il fatto che i rami inferiori sono posti orizzontalmente.
La corteccia del tronco и bruna, desquamante con l'etа in piastre irregolarmente poliedriche. I giovani rami hanno corteccia tomentosa e marrone che diventa grigia in seguito. Le gemme dei rametti sono resinose ed appiccicose


 

le foglie sono decidue, opposte, picciolate, lunghe fino a 20 centimetri, con la lamina palmato-composta, formata da da 5-7 foglioline sessili, oblanceolate, aventi la base attenuato-cuneata, il margine irregolarmente dentato e l'apice acuminato. La pagina superiore и di colore verde intenso, mentre quella inferiore и piщ chiara, da giovane con pelositа color ruggine verso la base e lungo le nervature, che poi col tempo diventano glabre. Le nervature laterali sono parallele. Il picciolo и privo stipole, scanalato e allargato alla base. Negli ultimi anni il fogliame dell'ippocastano и soggetto ai massicci attacchi di Cameraria ohridella, un microlepidottero minatore le cui larve si nutrono dei tessuti fogliari, causando diffusi seccumi e notevole danno alla pianta, sia dal punto di vista ornamentale che da quello sanitario. Nella foto si possono notare i primi sintomi dell'infestazione.


i fiori sono ermafroditi e profumati, raccolti in ampie pannocchie, lunge fino a 20 centimetri, di forma conica, terminali ed erette. Il calice con 5 lobi и profondamente inciso di sotto. La corolla a simmetria bilaterale presenta 4-5 petali lobati e ondulati sul bordo, pubescenti, bianchi e spesso macchiati di rosa o giallo al centro. La fioritura avviene in aprile-maggio


i frutti sono grosse capsule sferoidali, coriacee, dapprima verdastre poi brune, munite di aculei pungenti e che si aprono in tre valve contenenti ciascuna un seme: un achenio tondeggiante e appiattito, di colore bruno lucido, ornato da un grande ilo grigio alla base, simile ad una castagna. Tali semi sono chiamati volgarmente 'castagne matte' ed hanno un sapore amaro ed un odore sgradevole. Non sono commestibili


USO ALIMENTARE OD OFFICINALE: l'estratto ottenuto dai semi ha un effetto antinfiammatorio, migliora il drenaggio linfatico ed aumenta la pressione venosa, trovando applicazione nel trattamento dell'insufficienza venosa cronica e dei sintomi negli arti inferiori come edema, dolore, prurito, varici, ulcere, senso di tensione ed affaticamento. Inoltre offre proprietа antinfiammatorie, antiedematose e antiessudative. Il principale principio attivo и l'escina, una complessa mistura di saponine dal potente effetto antiinfiammatorio


 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]

 

consiglia questa pagina ad un amico