cerca un argomento         powered by freefind

condividi questa pagina con i tuoi amici su Facebook

 

 

 

Acer palmatum Thunb. 1783

 
famiglia: Sapindaceae
sinonimi:
nomi comuni:

acero palmato, acero giapponese 

vedi tassonomia

Acer

Sapindaceae

torna all'elenco

 

ETIMOLOGIA: il nome del genere и coniato dal termine latino acer (duro, aspro) per la particolare durezza del legname. L'epiteto specifico latino palmatum  (a forma di palmo)  и riferito alla forma palmata delle foglie

ti piace questo sito? aiutaci a crescere cliccando     

l'acero palmato (o acero giapponese) и un piccolo alberello od un arbusto a foglie caduche originario del Giappone (viene chiamato Momji), dove si trova allo stato spontaneo in boschi collinari e montani di latifoglie, in clima temperato e su suolo ricco di sostanza organica, alto 4-5 metri (puт arrivare fino a 9-10) e largo fino a 3, con chioma a piramide rovesciata nei giovani esemplari e cupoliforme in quelli adulti. Viene comunemente chiamato anche acero giapponese, sebbene ciт possa ingenerare confusione in quanto con questa denominazione generica si indicano anche altre specie come A. japonicum, A. shirasawanum, A. sieboldianum, A. pseudosieboldianum (di origine giapponese) ed  A. circinatum  (originario della costa Pacifica americana ma molto simile ai precedenti, a conferma della teoria che anticamente vi fosse un passaggio terrestre attraverso lo stretto di Bering).
И una pianta dalla crescita piuttosto lenta, coltivata da svariati secoli in Giappone, e poi dal 1820 anche in Europa e nei giardini delle zone temperate di tutto il mondo, per il suo portamento e la bellezza del fogliame, particolarmente evidente in primavera e poi anche in autunno, quando assume una vivace colorazione rossa. Molto apprezzato anche per la tecnica del bonsai. L'aspetto e la forma delle foglie di questa specie sono piuttosto variabili: per questo motivo la specie tipica и poco coltivata ma da essa sono state selezionate nei secoli oltre mille cultivar con caratteristiche anche molto diverse tra loro, ma sempre estremamente decorative ed interessanti.
Non teme particolarmente il freddo e pur tollerando il calcare ed adattandosi a diversi tipi di terreno, predilige quelli sub-acidi, sciolti e freschi, ricchi di sostanza organica e privi di ristagno idrico, in posizioni luminose ma parzialmente ombreggiate (in particolare nelle zone a clima estivo molto caldo e secco), riparate dal vento. L'esposizione ideale sarebbe quella con sole al mattino e ombra nelle ore piщ calde del pomeriggio, per evitare che il sole bruci le foglie. 
Non ama troppo le potature, in particolar modo quelle piщ severe, alle quali reagisce in modo stentato: queste devono perciт mirare, qualora si rendessero necessarie, esclusivamente al mantenimento della forma dell’albero, asportando eventuali rami secchi, danneggiati od in soprannumero. 
L'acero palmato viene coltivato a scopo ornamentale nei parchi pubblici, nei giardini anche di piccole dimensioni, a bonsai e per la formazione di alberature stradali. Si adatta molto ben alla coltivazione in vaso. Nel complesso и una pianta di non facilissima coltivazione che perт, se trova condizioni ottimali, offre uno spettacolo unico ed eccezionale nel susseguirsi di tutte e quattro le stagioni

il fusto, a volte multiplo, и spesso tortuoso e ramificato, con corteccia liscia di colore grigio scuro. I giovani rami sono verdi o rossastri. Le foglie sono caduche, opposte, provviste di picciolo, lunghe e larghe 5-12 cm, formate da 5-9 lobi acuminati, con incisioni profonde e margini seghettati, di colore verde chiaro in primavera-estate, che in autunno vira ad un rosso-arancio. Della variabilitа della colorazione del fogliame e della sua forma и giа stato accennato

i frutti , come in tutti gli aceri, sono disamare, cioи infruttescenze formate ciascuna da due samare, in questo caso di colore dapprima rossastro, poi verde e quindi bruno, costituite da due semi alati disposti in modo da formare un angolo quasi piatto, lunghe complessivamente 2-3 centimetri

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

[email protected]