cerca un argomento         powered by freefind

Che dice la pioggerellina di marzo, / che picchia argentina
sui tegoli vecchi del tetto, / sui bruscoli secchi dell'orto, / sul fico e sul moro ornati di gиmmule d'oro?
 Passata и l'uggiosa invernata, passata, passata!


Angiolo Silvio Novaro (poeta n. 1866, m. 1938)

 

 

 

CONSIGLI PER IL MESE DI MARZO

alberi ed arbusti rose bulbose fiori ed erbe prato frutti ed ortaggi irrigazione laghetti serra ed appartamento consigli vari

 

Alberi come l'acero e la betulla, che 'piangono' notevolmente dopo la potatura, perdendo anche notevoli quantitа di linfa, non devono essere potati in questo periodo, ma in pieno inverno (per i tagli abbastanza grossi) o solo dopo che le foglie si siano completamente sviluppate (per i piccoli tagli).

Dopo che gli amenti dei piccoli salici ornamentali (Salix lanata, Salix repens, Salix discolor, Salix apoda) hanno raggiunto il loro massimo rigoglio, possiamo potare le piante anche in maniera drastica, per incoraggiare la formazione di nuove branche che porteranno splendidi amenti l'anno successivo.

Completiamo la potatura di arbusti ed alberi ornamentali prima che la vegetazione si risvegli, ad eccezione perт delle piante a fioritura precoce primaverile, che vanno potate a fioritura terminata.

Fino ai primi giorni di aprile siamo ancora in tempo a spostare e trapiantare arbusti e piccoli alberi, non appena il suole и lavorabile, ma prima che le gemme si rigonfino o addirittura si aprano. 

Se non l'abbiamo fatto in precedenza, fertilizziamo alberi ed arbusti. Utilizziamo concimi specifici per acidofile per le piante come conifere, azalee, rododendri e camelie. Per le rose e gli altri arbusti fioriferi и necessario un concime povero di azoto e ricco in fosforo e potassio, per stimolare la produzione dei fiori.

Potiamo il gelsomino invernale (Jasminum nudiflorum) solo dopo che ha terminato la fioritura, mentre possiamo accorciare i rami del caprifoglio rampicante (Lonicera caprifolium e simili) fino alla lunghezza di circa un metro.

Le rose vanno potate proprio in questo periodo, tra la fine delle gelate e l'inizio della nuova vegetazione, per evitare che il gelo faccia morire parte dei rami tagliati. Un taglio severo darа come risultato la comparsa di fiori dai peduncoli piщ corti ed una maggiore compattezza generale della pianta. Dopo la potatura и indispensabile una fertilizzazione con concime a ricco titolo fosfo-potassico.

 

 Se nelle aiuole delle bulbose primaverili dovessero nascere delle erbacce, non rimuoviamole assolutamente con mezzi meccanici, ma estirpiamole manualmente per non disturbare e rovinare i bulbi e le radici delle piante coltivate. 

Siamo ancora in tempo a piantare bulbi a fioritura estiva, che offriranno al giardino una fantastica varietа di colori: ad esempio, piantando piccoli gruppi di gladioli ad intervalli di 1-2 settimane, avremo una continua fioritura estiva, con colorazioni sempre nuove.

Rimuoviamo i fiori appassiti dalle bulbose che hanno terminato la fioritura, fornendo anche una piccola dose di concime per aiutare il bulbo ad ingrossarsi ed immagazzinare sostanze di riserva. Per questo motivo non dobbiamo rimuovere il fogliame fino a che non si и avvizzito.

Annaffiamo tutte le bulbose durante la fase di crescita, specialmente durante lo sviluppo del fogliame e dei fiori, facendo attenzione a non dare l'acqua direttamente sulle foglie e sui fiori per non danneggiarli.

 

Alcune annuali come la verbena, la bocca di leone e la petunia fioriscono dai 70 ai 90 giorni dopo la semina. Se desideriamo avere fioriture precoci dovremo seminarle in ambiente protetto all'inizio della primavera per trapiantarle all'aperto quando le temperature sono costantemente al di sopra dei 15-18°C.

Se desideriamo avere fioriture e macchie di colore anche in questo periodo, possiamo acquistare piante annuali come viole del pensiero, violette o primule, da piantare nelle aiuole ancora spoglie. Ricordiamo che la fioritura sarа piщ prolungata se rimuoveremo con costanza i fiori giа sfioriti.

Sperimentiamo le piante perenni nelle bordure, nelle aiuole e tra i cespugli: il periodo primaverile и quello migliore per le nuove piantagioni. Nuove piante e nuovi colori daranno interesse e varietа all'aspetto del nostro giardino.

Prima del risveglio vegetativo tagliamo a livello del colletto le graminacee ornamentali e le felci, per stimolare l'emissione di nuovo fogliame e ringiovanire le piante. Possiamo anche approfittarne per suddividere i cespi e moltiplicare cosм le nostre piante.

Siamo ancora in tempo a dividere e trapiantare le erbacee perenni a fioritura estiva, eliminando le vecchie parti ormai lignificate  e non dimenticando di fertilizzare quelle messe a dimora gli scorsi anni e giа acclimatate.

 

 

In questo mese possiamo riparare le aree danneggiate del prato. Asportiamo muschio e feltro mediante un arieggiatore, elettrico o manuale, seminiamo le aree lavorate con apposita semente e copriamo con uno strato di terriccio. Alcuni prati necessitano di una concimazione, ma и meglio effettuarla dopo che sono state fatte tutte le precedenti operazioni: se il muschio и un problema possiamo utilizzare un concime ricco in solfato di ferro che ostacoli la germinazione delle spore e lo sviluppo delle piantine di muschio. Visto che le piogge autunnali hanno dilavato parte dell'azoto dal terreno, un concime azotato a lenta cessione favorirа una rapida ripresa ed una crescita delle piantine del prato, riducendo anche il numero di interventi durante la stagione.

 

 Pianifichiamo su un foglio la disposizione delle colture nell'orto, per razionalizzare al massimo lo spazio disponibile. Non dimentichiamo di prevedere una rotazione tra le varie coltivazioni, per ridurre i problemi relativi agli attacchi di insetti e parassiti.

Il prezzemolo и particolarmente ricco delle vitamine A e C, per cui non dovrebbe mancare in nessun orto. Seminiamolo al protetto in questo periodo, per trapiantarlo verso metа aprile in un angolo soleggiato del giardino o dell'orto. Prevediamo un adeguato spazio anche per le altre erbe aromatiche: molte di loro rinasceranno poi spontaneamente di primavera in primavera.

Se non l'abbiamo ancora fatto, prepariamo il terreno per l'orto, lavorandolo in profonditа ed incorporando letame ben maturo, compost, torba o qualunque materiale organico che contribuisca a far salire il livello di humus nel suolo.

Se ci piace veder crescere nell'orto le piantine da noi prodotte, и questo il momento migliore per seminare, in ambiente protetto, zucchine, pomodori, peperoni, melanzane ed altri ortaggi che entreranno in produzione nella stagione calda. Le piantine andranno tenute in ambiente riparato e messe a dimora non prima della metа di aprile.

 

Siamo ancora in tempo a pensare di installare un impianto di irrigazione automatico nel giardino o nel terrazzo, per risparmiare tempo ed acqua nei mesi piщ caldi.

 

Con la ripresa della bella stagione il laghetto torna a vivere: и questo il momento adatto per effettuare una manutenzione di fondo per averlo in piena salute nel periodo estivo.

Puliamo attentamente il fondo, eliminando i residui di foglie e di cibo assieme a tutti i detriti. Anche la pompa, i tubi, i filtri e le lampade UV hanno bisogno ogni anno di una buona pulizia: controlliamo il girante della pompa e la sua sede, sostituiamo i prefiltri della pompa ed i tubi, sostituiamo i materiali filtranti e controlliamo l'efficienza delle lampade, puliamo l'alloggiamento e controlliamo i collegamenti elettrici.

Dopo aver effettuato le pulizie sostituiamo almeno un terzo del volume d'acqua, magari effettuando un trattamento preventivo contro le alghe. Approfittiamone per valutare lo stato di salute dei pesci e delle piante, sostituendo eventualmente quelle morte.

Verso la fine di questo mese possiamo potare le piante d'appartamento per stimolare lo sviluppo di nuova vegetazione e dare una forma migliore e piщ compatta. Le piante reagiranno, grazie alla maggiore intensitа e durata dell'illuminazione, con l'apertura di nuove gemme e la creazione di nuovi germogli. Possiamo quindi ricominciare con le regolari fertilizzazioni, utilizzando soluzioni diluite di concimi liquidi per piante da interni.

Ricordiamoci di ruotare le piante in casa almeno di un quarto di giro tutte le settimane, per assicurare a tutte le parti della pianta una adeguata illuminazione ed evitare che la crescita sia asimmetrica nella direzione della fonte di luce.

Spruzzare le piante in casa con un getto d'acqua vaporizzata aiuta a mantenere pulite le foglie dalla polvere, a fornire una giusta umiditа a livello del fogliame (non dimentichiamo che la maggior parte delle piante d'appartamento proviene da climi tropicali, caldo-umidi) ed a prevenire attacchi da parte del ragnetto rosso, che si verificano in caso di scarsa umiditа relativa.

 

 Non lavoriamo il terreno del giardino quando и troppo bagnato, perchи andremmo a creare delle zolle molto dure e difficili da rompere, che potrebbero interferire negativamente con le successive lavorazioni estive.

Se dobbiamo rifare il giardino o riseminare il prato, approfittiamone per fare effettuare un'analisi del suolo, perchи la qualitа del suolo и fondamentale per la vita delle piante. Verifichiamo il livello del pH, la percentuale di sostanza organica, la presenza dei vari elementi della fertilitа e dei nutrienti, valutando se и necessaria l'applicazione di concimi, correttivi ed ammendanti.

Utilizziamo un computer o anche un semplice quaderno per memorizzare tutte le informazioni relative al nostro giardino. Teniamo nota di tutto quello che viene piantato, dal nome scientifico di ogni pianta, al luogo d'acquisto, la data di piantumazione o di semina. Durante la stagione vegetativa osserviamo ed annotiamo il modo in cui la pianta cresce, l'eventuale suscettibilitа alle malattie, segnandoci anche i prodotti usati per risolvere gli eventuali problemi. Tutte queste informazioni saranno utili in futuro per la pianificazione delle piantagioni.

Se non l'abbiamo ancora fatto controlliamo che le attrezzature da esterno, immagazzinate durante la stagione fredda, non presentino tracce di marciumi o di ruggine. Rimuoviamo eventuali presenze non gradite con gli appositi attrezzi e riverniciamo con sostanze protettive.

Quando compriamo piante da trapiantare in giardino, scegliamo quelle con forma compatta e cespugliosa, con foglie turgide e di una colorazione verde intensa. Le piante prive di fiori giа aperti garantiscono un migliore attecchimento ed una crescita piщ rapida.

Lo strato di pacciamatura sotto gli arbusti puт essersi parzialmente decomposto, facendo salire il tenore di sostanza organica nel terreno ma, nel contempo, aumentando la possibilitа di crescita delle malerbe. Dove и necessario apportiamo nuovo materiale pacciamante.

 

 

 

 

 


Il contenuto e le immagini di questa pagina sono protetti da una licenza Creative Commons, ma possono essere utilizzati, non a scopo commerciale e senza modifiche, citandone la fonte ed inserendo un link alla nostra home page. 
Per la pubblicazione a scopo commerciale potete contattarci all'indirizzo mail sotto indicato.

 

  Creative Commons License

VERDI INCONTRI

a cura di Pietro Peddes Dottore in Scienze Agrarie

 

consiglia questa pagina ad un amico